Chi c’è dietro uno spettacolo? Il Cast Tecnico

Chi c’è dietro uno spettacolo? Il Cast Tecnico

Eccoci tornati alla piccola rubrica dedicata a chi c’è dietro uno spettacolo! L’anno scorso abbiamo conosciuto la Grande Mamma, cioè tutti quelli che lavorano alla produzione, supervisione e distribuzione di uno spettacolo e che il pubblico mai incontra o vede sul palco scenico (https://www.diverteatro.it/2017/11/14/chi-ce-dietro-uno-spettacolo-la-grande-mamma/#more-1307).

Oggi parleremo di un’altra fetta di figure che agiscono non visti, dietro le quinte, di fondamentale importanza: il Cast Tecnico.

 

 

A differenza della Grande Mamma, che sta per lo più negli uffici e in teatro forse non mette neanche piede, se non per vedere il risultato finale, il Cast Tecnico è sempre presente in teatro e sul palco scenico, di fianco al regista e agli attori, a sostenere e facilitare il più possibile il loro lavoro.

Le figure che lo compongono possono essere davvero numerose. Spesso anche più degli attori che calcano la scena. Naturalmente, a seconda di quanto la produzione sia grande o piccola e del tipo di spettacolo in questione (prosa, balletto, opera, ecc…) non è detto che tutte siano sempre presenti.

A volte capita anche che ci siano solo due o tre persone a ricoprire più ruoli o anche tutti i ruoli contemporaneamente. E, nelle piccolissime produzioni, a volte sono alcuni attori stessi a ricoprirli. Come nel caso degli allievi del nostro corso di teatro, che spesso e volentieri si mettono in gioco nei panni di alcune di queste figure!

Ma senza altri indugi, scopriamole insieme!

Si comincia con il Direttore di scena: è una delle figure più importanti del cast tecnico. Responsabile dell’allestimento di uno spettacolo, conosce a fondo tutti i ruoli tecnici della compagnia. E’ a capo dell’attività artistico-tecnica che si svolge a teatro. Definisce orari, modalità di lavoro, eventuali sanzioni degli artisti e dei tecnici in caso di inadempienze, mantiene i rapporti con la direzione artistica e la direzione di produzione del teatro. Di solito avvisa anche gli attori del tempo che manca per la loro entrata in scena.

 

 

È responsabile del regolamento di palcoscenico e di struttura e referente per tecnici e personale impiegato nell’allestimento di un lavoro teatrale.

Può, a sua discrezione e responsabilità, modificare parte dello spettacolo originale, mantenendone il più possibile l’atmosfera voluta dal compositore.

Più spesso viene chiamato assistente alla regia o anche direttore di palcoscenico.

Direttore di sala: responsabile della sala teatrale. E’ anche responsabile delle cassiere, delle maschere, del guardaroba, del corretto funzionamento del bar e di tutti quei piccoli accorgimenti utili a rendere perfetta l’ospitalità nei confronti degli ospiti.

Direttore musicale: ha innanzitutto un ruolo interpretativo, cioè fa le scelte musicali fondamentali (andamento, tempo, dinamiche) illustrando a cantanti solisti, coro e strumentisti la propria impostazione generale del componimento musicale da eseguire. Inoltre, ha una funzione di concertazione, ed è d’aiuto per la coordinazione dei musicisti durante le prove e la performance, indicando il tempo e gli ingressi delle voci. E’ spesso affiancato dal vocal coach, che cura l’esecuzione del coro e dei cantanti solisti, seguendo le indicazioni fondamentali del direttore musicale.

 

 

Nel caso non ci fosse l’orchestra ma solo il coro, il direttore musicale verrebbe chiamato più precisamente vocal director o maestro del coro .

Scenografo: ideatore e creatore della scenografia, cioè degli elementi di scena che caratterizzeranno l’ambiente in cui si svolgerà l’azione scenica, in accordo con il regista. Lo scenografo deve avere conoscenza e dimestichezza in numerosi campi dell’arte: disegno, scultura, pittura, grafica, ecc… ma anche lo studio dei colori, delle luci, il gusto per la composizione, ma soprattutto la conoscenza dei principi della prospettiva e dell’architettura. Una volta veniva affiancato dal trovarobe

Costumista: chi disegna gli abiti di scena, scegliendone lo stile, i tessuti e i colori, in accordo con il regista e lo scenografo

 

 

Coreografo: ideatore e direttore delle coreografie

Light designer: idea il disegno o piano luci, in accordo con il regista, lo scenografo e il costumista. Controlla e fa interagire fra di loro tutte le luci presenti nello spettacolo. Viene affiancato dal tecnico luci, che è un vero e proprio elettricista del teatro: monta gli impianti e segue il sistema di illuminazione durante l’intera rappresentazione

 

 

Sound designer: figura legata all’ambiente del suono, alla sua creazione o modificazione per scopi di vario genere. Per svolgere questo lavoro sono necessarie conoscenze in ambito musicale, tecnologico, scientifico e acustico. Viene affiancato dal tecnico del suono fonico, che come nel caso del tecnico luci, è un vero e proprio elettricista e professionista tecnico di tutto ciò che riguarda l’impianto audio di uno spettacolo (microfoni, mixer, impianti di amplificazione, registratori, ecc…)

Truccatore: a differenza di un truccatore cinematografico o del truccatore da cui potrebbe andare una sposa, ad esempio, il truccatore teatrale molto spesso deve essere in grado di marcare con molta decisione i tratti somatici del personaggio rappresentato, a causa della grande distanza che spesso c’è tra gli attori e il pubblico. Visto da vicino il trucco risulta spesso grottesco. A queste consuete competenze si aggiungono quelle dell’applicazione del trucco scenico, ovvero un trucco finalizzato all’alterazione, a volte anche sostanziale, dei tratti somatici dell’attore, attuato con la collaborazione del regista ed in stretta relazione con le esigenze di copione

 

 

Parrucchiere: si occupa delle “teste” degli attori. Naturalmente deve conoscere a fondo le varie acconciature usate nei secoli e le tendenze del mondo contemporaneo. Spesso acconcia parrucche che poi applica sulla testa degli attori.

Attrezzista: modifica , colloca sulla scena e conserva in magazzino gli arredi, gli oggetti ed eventuali altri materiali utilizzati in scena durante lo spettacolo. E’ un vero e proprio artigiano. Si occupa infatti anche di realizzare o modificare oggetti già esistenti seguendo le indicazioni dello scenografo, e di creare piccoli effetti speciali (fuoco, fumo ecc) che non richiedono una competenza troppo specifica.

Macchinista: costruisce, monta, smonta e dove è necessario muove gli elementi scenografici. Martello, chiodi, viti e e avvitatore sono i suoi strumenti principali. E’ anche il tecnico che dalla graticcia fa scendere le corde sulle quali poi verranno attaccati gli stangoni sui quali si appenderanno i fondali e le americane.

Videomaker: cura personalmente le riprese e il montaggio dello spettacolo. Spesso affiancato da altri tecnici delle riprese e da fotografi.

Suggeritore: colui che suggerisce, o meglio suggeriva, le battute agli attori, in caso di vuoti di memoria. Ormai però è una figura quasi del tutto scomparsa.

Quante e quali di queste figure non avete mai neanche pensato potessero essere coinvolte nella messa in scena di uno spettacolo?

Lasciate qui sotto un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.