fbpx

Hamilton, il musical dei record  

Hamilton, il musical dei record  

La maggior parte dei teatri purtroppo sono ancora chiusi, e per il mondo del musical in particolare, la ripartenza sembra ancora lontana. 

Voglia di musical? Cè Hamilton su Dinsey plus!

Vincitore di 11 Tony Award, GRAMMY Award, gli Olivier Award e il Premio Pulitzer. Tra gli spettacoli più visti e amati degli ultimi anni, Hamilton è il musical creato dall’attore e drammaturgo americano di origini portoricane Lin-Manuel Miranda.

Portare in scena la storia dei padri fondatori degli Stati Uniti musicata in chiave hip hop e interpretata quasi esclusivamente da performer appartenenti a minoranze etniche poteva anche sembrare una sfida. Eppure Hamilton ha conquistato dapprima Broadway, poi il West End londinese fino ad approdare sul grande schermo.

Protagonista della pièce e colui che da il nome al musical (interpretato dallo stesso Miranda), Alexander Hamilton. Nasce nei Caraibi, cresce orfano e in povertà e si trasferisce a New York per studiare. Lì prende parte alla guerra per l’indipendenza americana, diventando tenente colonnello di George Washington. Dopo la guerra fa carriera in politica diventando il primo segretario al tesoro, padre del sistema finanziario statunitense e autore di quasi metà dei Federalist Paper. Durante la carriera si fa parecchi nemici, scontrandosi più volte con Thomas Jefferson e James Madison.

Di vedute abolizioniste, provò ad organizzare truppe di soldati neri a cui prometteva la libertà. L’odio nei confronti della schiavitù, che secondo Hamilton era in contrasto coi principi della costituzione, sembra legittimare e caricare di significato la scelta di attori neri e di origini latinoamericane nei panni di personaggi storici caucasici.

Il film, disponibile su Disney Plus, è stato realizzato durante una ripresa dal vivo del musical. Una storia stimolante e accattivante sulla leadership, la tenacia e la speranza, un pezzo di storia americana poco conosciuta e un’ottima occasione per riflettere su problematiche anche contemporanee alla luce delle immense sfide che il nostro mondo sta affrontando tuttora.

Benvenuti a teatro: fra curiosità e superstizioni

Benvenuti a teatro: fra curiosità e superstizioni

Leggende che si autoalimentano da sempre rendono il teatro un posto magico, mistico per certi versi. Dove il falso diventa vero, nel luogo per antonomasia dove si dimentica chi si è per ritrovarsi ogni sera diversi, nel corso dei secoli sono nate (ed arrivate fino ad oggi) innumerevoli curiosità e aneddoti. Sveliamone alcuni.

Read more

Voglia di teatro? Per fortuna c’è lo streaming

Voglia di teatro? Per fortuna c’è lo streaming

È arrivato il 2021, e con esso però purtroppo non è tornato il teatro dal vivo. Chissà quanto tempo passerà ancora prima di poter ritornare in quel luogo magico fatto di sipari rossi e poltroncine di velluto in cui per una manciata di ore si sogna immergendosi in storie e emozionandosi con i personaggi, coinvolti in magiche avventure.

Per fortuna il mondo ultra collegato e interconnesso in cui viviamo ci offre la possibilità di fruire della magia del teatro, seppur in maniera ovviamente diversa, tramite le numerose piattaforme streaming on demand (gratuite e per abbonati).

Read more

L’immensa eredità artistica del grande Gigi Proietti

L’immensa eredità artistica del grande Gigi Proietti

Si dice che per essere i più bravi si deve imparare dai migliori. Ricordiamo così, ad un mese dalla sua scomparsa, alcuni dei più preziosi insegnamenti dell’unico, inimitabile mattatore della scena italiana, Gigi Proietti.

Sorriso sornione, maschera profondamente malleabile a seconda del registro da mettere in scena e del personaggio (tragico o comico) da interpretare, Gigi Proietti negli anni ’70 inventa un vero e proprio genere, una novità assoluta per l’Italia teatrale del tempo, gli one man show.

In essi Proietti è attore, cantante, mimo, affabulatore indiscusso. Esprimendo la sua poetica di contaminazione teatrale capitanata dall’ironia, egli dà prova che un fuoriclasse, sul palco, non ha bisogno di nessun artificio che non sia il suo corpo e la sua voce.

Read more

Dimmi come ridi e ti dirò chi sei

Dimmi come ridi e ti dirò chi sei

Qual è il tuo modo di ridere? Ogni risata rimanda a una sua situazione e a emozioni diverse, ma può anche dirci qualcosa sul carattere di una persona. È risaputo che ridere fa bene, non solo all’umore ma anche al corpo, come molti studi confermano. Non tutte le risate però sono uguali!

Tecnicamente una risata è l’emissione di aria modulata in modi differenti, che produce una serie di suoni dal timbro vocalico (ah, eh, ih, oh, uh) della durata di circa 1/15° di secondo, regolarmente intervallati da loro, preceduti e seguiti da un breve respiro.

Read more

Dalla danza al teatrodanza. La magia del movimento in scena

Dalla danza al teatrodanza. La magia del movimento in scena

Danza classica, accademica, moderna, contemporanea, balletto e infine teatrodanza. Cosa contraddistingue le une dalle altre? Solo una successione storica? In realtà molto di più.

Nella preistoria la danza era parte di un rito, mentre nell’epoca rinascimentale compare nelle grandi corti come forma di intrattenimento: un misto di danza, musica e recitazione con sfoggio di stravaganti costumi che limitavano i movimenti. I balletti di corte erano interpretati dagli aristocratici e saper danzare era una qualità necessaria per far parte dell’elitè. Nasce qui la figura del maestro di danza professionale, nel 1545 nasce la prima scuola di danza per nobili e nel 1581 in Francia viene allestito il primo balletto della storia.

Read more