Come costruire il tuo personaggio!

Attori di teatro che recitano

Ciao!
Oggi ti aiuterò ad approcciarti al meglio allo studio e alla costruzione del tuo personaggio.

Ci sono due principali fasi: quella più teorica e di “analisi” e quella più pratica. In questo articolo parleremo principalmente della prima!

Autore e opera

Prima di parlare di personaggio, c’è un aspetto molto importante, a volte sottovalutato nel teatro amatoriale: la prima cosa che si dovrebbe fare, ancora prima di prendere in mano il copione, è quella di informarsi sull’autore e sull’opera.

Chi ha scritto il testo? In che epoca ha vissuto? Qual è la trama? Qual era il messaggio che voleva far passare?

Sono domande che dovremmo porci prima di sfogliare il copione, perché ci permetteranno di capirlo al meglio senza doverlo rileggere infinite volte.
Certo, sapere da subito come andrà a finire la storia ci toglierà sicuramente l’effetto sorpresa che avrà invece lo spettatore, ma per la buona riuscita dello spettacolo si può fare qualche compromesso, no? 😉

Mentre farai queste ricerche di base, segnati in un blocco notes le cose che ritieni più importanti e che credi possano incidere sul tuo personaggio.

Una volta chiare le coordinate potrai cominciare leggere il copione.

Copione teatrale aperto

Il copione

In questa prima lettura è importante che tu capisca al massimo tutto quello che sta succedendo e tutti gli altri indizi che l’autore ci dà riguardo alla storia e ai personaggi:

concentrati sulla trama generale e sulle vicende del tuo personaggio, fai attenzione alle cose che dice, alle parole che usa, leggi attentamente le didascalie e, se sono presenti, le note dell’autore.

Fai quindi una lettura neutra, silenziosa o appena “accennata”. NON metterti ad interpretare il personaggio, non è ora il momento di farlo. Segnati piuttosto degli appunti, sullo stesso copione o a parte, sottolinea le parole chiave che si riferiscono al tuo ruolo.

La tua bussola

Il passo successivo è quello di definire gli aspetti più importanti del tuo personaggio.

Per fare questo segna tutte le parole chiave in una lista, individuandole nelle tue battute, in quelle degli altri personaggi, nelle didascalie, ecc…

Questa lista sarà la tua bussola: imparala a memoria!

Ti aiuterà ad avere bene in mente chi sei e come costruire il tuo personaggio.

Ti permetterà inoltre di descrivere con facilità il tuo personaggio, in caso tu debba parlarne a qualche amico o in qualche intervista! 😜

Una bussola appoggiata su un'antica mappa

Tre domande

Devi comprendere fino in fondo la volontà del tuo personaggio. Altrimenti non pensare minimamente di iniziare ad interpretarlo.

Per fare ciò, poniti queste tre semplici, ma importantissime domande:

  • Che cosa vuole ottenere?
  • Perché lo vuole?
  • Che cosa è disposto a fare per ottenerlo?

Prima che tu possa procedere è importantissimo che sviluppi questo e i tre passaggi precedenti. Se li hai fatti, allora puoi proseguire con i prossimi punti.

Il passato

Ricostruisci il passato del tuo personaggio.

Se non ci sono abbastanza informazioni usa la tua immaginazione.

Non a casaccio ovviamente, ma inventa la tua storia basandoti su quello che hai già trovato sul testo e lavorando sui punti precedenti.

Scrivi di tutto: della sua infanzia, del rapporto con i genitori o amici, del suo gioco preferito da piccolo, del suo primo amore, del suo primo dolore, le sue passioni, i suoi traumi, i suoi obbiettivi, il suo carattere, le persone per lui più importanti, la sua visione della vita, il suo aspetto fisico…

A cosa ti serve tutto questo?

Prima di tutto è un modo per conoscerlo il più possibile e poi, tutto quello che scriverai dovrà giustificare tutto quello che sta facendo adesso, i suoi comportamenti e atteggiamenti.

Non importa se il pubblico e perfino il tuo regista non verranno a sapere nulla di questi dettagli. Quello che sarà percepibile è se tu ci stai credendo o meno, e perché tu lo faccia dovrai avere piena padronanza del tuo personaggio e conoscerlo il più possibile.

Sagoma di una persona con punto di domanda

Per ora ci fermiamo qui… Questi sono solo alcuni dei nostri consigli, che ogni anno i nostri divert-attori mettono in pratica nel corso di recitazione!

Nel prossimo articolo vedremo come cominciare ad usare la nostra bussola e come approcciarci al copione una volta che ci è chiaro chi è il nostro personaggio.

Se hai dubbi o curiosità non esitare a scriverci nei commenti qui sotto, ti aiuteremo volentieri! 😉

Stati d’animo: questi sconosciuti!

Stati d’animo: questi sconosciuti!

Si apra l’asta! Rabbia! Amore! Gioia! Tristezza! Chi offre di più?

Non so voi, ma io ho sempre fatto più fatica a portare in scena certi sentimenti piuttosto che altri. Ad esempio: la gioia e la tristezza sono due sentimenti che mi è sempre stato semplice richiamare alla mia memoria emotiva e riprodurli su un palcoscenico. Al contrario, la rabbia è sempre stato un sentimento ostico per me, perchè nel mio quotidiano non sono abituata ad arrabbiarmi come si deve, quindi diciamo che non so bene come si faccia. Ma in generale altri sentimenti e stati emotivi mi mettono più in difficoltà di altri e non sempre mi è chiaro il perchè…

Read more

LAVORARE SUL PERSONAGGIO – IL COPIONE

Copertina del'opera teatrale Romeo e Giulietta

Nell’articolo di oggi vedremo quali sono le prime cose da fare per lavorare su un personaggio.

Prima di farti qualsiasi viaggio mentale, di immaginare come il personaggio si muoverebbe con il corpo, le espressioni facciali che farebbe, la voce che userebbe, ecc… è bene fare una cosa molto semplice:

leggere il copione.

È importante che tu abbia bene in mente chi è questo personaggio, il contesto storico in cui vive, i rapporti che ha con gli altri. Read more